Collezione Frignani

icona_collezione_frignani870

La storia di questa raccolta comincia per caso nel 1976, quando, ancora studente, acquistai il primo strumento in un mercatino antiquario. Da allora il mio interesse per la liuteria si sviluppa prendendo presto un risvolto professionale che mi porta, nell'arco di circa 35 anni, a raccogliere ed a ritrovarmi una raccolta di chitarre storiche principalmente di scuola italiana. In virtù di una passione che non ha mai avuto scopo di lucro ma piuttosto un principio di responsabilità nei confronti della conservazione e mantenimento di quello che oggi si può considerare un patrimonio culturale da tutelare, anche in virtù delle mie competenze acquisite nella professione di liutaio restauratore, la raccolta si è via via strutturata.
Oggi la collezione vanta un numero imprecisato di strumenti a pizzico, in particolare di scuola italiana, con esemplari unici al mondo, riferimento culturale per tutti coloro che si muovono in ambito liutario, sia dal punto di vista di utilizzatori ( musicisti ) che per liutai e restauratori.
La collezione ha permesso in varie situazioni espositive:
  • Mostra di Pieve di Cento - Italia ( 1 mese )
  • Mostra Philip Morris International - Svizzera ( 3 mesi )
  • Mostra Settimane Estensi Modena ( 1 mese )
  • Mostra Geigenbaumuseum Mittenwald Germania ( 6 mesi )
  • Mostra Accademia di Scienze, Lettere ed Arti - Modena ( 2 mesi )
  • Mostra Biblioteca Casanatense - Roma ( 1 mese )
di produrre cataloghi scientifici e di approfondimento storico, oggi riferimento per appassionati ed esperti del settore ed è considerata una delle più rare al mondo. In sporadiche situazioni alcuni strumenti sono stati anche ceduti a strutture museali internazionali ( MFA Boston ) che li hanno richiesti attraverso le procedure ufficiali e oggi arricchiscono quelle collezioni pubbliche.

This post is also available in: Inglese Cinese tradizionale